Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Virilio: la terza rivoluzione tecnologica

Paul Virilio, urbanista, sociologo e filosofo francese, professore emerito dell'Ecole Spéciale d'Architecture di Parigi, in una intervista dell'Enciclopedia Multimediale delle Scienze Filosofiche del 1996, affronta il tema dello sviluppo della velocità.

Fino alla rivoluzione dei trasporti, determinata nel XIX secolo dalla rivoluzione industriale, si è fatto riferimento alla velocità relativa del treno, dell`aereo, dei missili. È solo con la rivoluzione delle telecomunicazioni che subentra la velocità assoluta, ossia la velocità delle onde elettromagnetiche. Con la tele-visione e la tele-azione, o interattività, nasce un mondo unico, unito dal tempo reale, destinato ad avere il sopravvento sullo spazio-tempo locale, sullo spazio-tempo della storia. E intanto si prepara la terza rivoluzione, dopo quella dei trasporti e quella delle telecomunicazioni: la rivoluzione dei trapianti. Le microtecnologie permettono infatti l`impianto nel corpo umano di stimolatori della vita, della memoria, della percezione. Questo sviluppo segna l’introduzione nel vivente della tecnologia, che, dal corpo della natura e della città, passa a modificare il corpo dell’uomo. Si realizzano così il sogno futurista di Marinetti e l`idea dell`"uomo-macchina".

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo