Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Vattimo e Bedeschi: i mass media

I protagonisti di questo filmato sono due filosofi: Gianni Vattimo, ordinario di estetica e di filosofia teoretica all`Università di Torino, e Giuseppe Bedeschi, ordinario di filosofia morale all`Università La Sapienza di Roma. Il loro contributo verte sulla questione dell`uso e dell`abuso dei mass media, da un punto di vista sia etico che filosofico.
In riferimento alle tecnologie della comunicazione, Vattimo si rifà al pensiero di Heidegger (1889-1976), il quale vedeva nella tecnica moderna il culmine di quel processo di manipolazione esercitato dall’uomo sul mondo che riduce quest’ultimo a mero oggetto e che, inaugurato dalla nascita della stessa metafisica occidentale, altro non sarebbe che l’espressione della nietzschiana volontà di potenza. Sempre di matrice heideggeriana è la riflessione che Vattimo suggerisce sulla trasformazione, nell’età della tecnica, del soggetto di produzione in oggetto di manipolazione.
Giuseppe Bedeschi cita invece Adorno (1903-1969) e la sua aspra critica dei mass media, che, avendo il compito di diffondere una immagine standardizzata del mondo e quindi di fare introiettare all`individuo il sistema esistente, sarebbero essi stessi ideologia.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo