Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Marc Augé: "Il Dio oggetto"

L’antropologo Marc Augé, già directeur d’études presso l’Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales di Parigi, intervistato al Festival della Filosofia di Modena 2017 “Le forme del creare”, parla del suo libro “Il Dio Oggetto”.


Spesso i missionari hanno dovuto constatare che i popoli che cercavano di convertire adoravano il legno e la pietra hanno usato il termine “feticcio” per descrivere queste divinità. Si tratta di rappresentazioni degli antenati che sintetizzano i poteri che si attribuiscono agli esseri umani in certe tradizioni culturali: come il potere di aggressione o di difesa, che vengono simbolizzati da rappresentazioni di pietra o di legno. Si tratta di un’interpretazione pagana della presenza reale, in società dell’immanenza nelle quali le potenze supreme sono di fatto le incarnazioni delle rappresentazioni degli antenati, dell’”ancestralità”.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo