Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Aristotele e l`etica: l`amicizia

Pierre Aubenque, docente di storia della filosofia antica all`Università La Sorbonne di Parigi, parla del concetto di “philía”, amicizia, affrontato da Aristotele (Stagira, Grecia 384 a.c. – Eubea, Grecia 322 a.c.) nei libri VIII e IX dell` Etica Nicomachea .
L`amicizia, secondo il filosofo greco, non è necessariamente fondata sulla virtù, perché essa può fondarsi anche sul piacere o sull`interesse. Se il suo fine, nella forma più alta, è di volere il bene del suo oggetto, l`amicizia permette a tutti coloro che la praticano di concorrere con le loro azioni a un identico fine: tendere al bene comune.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo