Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Alberto Mirisola - Paura e autoritarismo

 

 

Il Progetto Migrazioni è un progetto del CNR (la responsabile scientifica è la dottoressa Maria Eugenia Caddeddu) che studia le migrazioni da diversi punti di vista. A Palermo, presso l'Istituto per le Tecnologie Didattiche approfondiscono queste problematiche da due punti di vista: come si evolvono le emigrazioni on line e che effetto hanno le minacce esterne sulla paura e sulla percezione dell'altro

Alberto Mirisola, psicologo, ci parla delle paure dell'altro, delle minacce che portano le società e i singoli verso uno slittamento autoritario e di quali sono i soggetti più colpiti. La percezione che abbiamo dell'altro e la paura che proviamo rispetto ad esso è legata alla rappresentazione che abbiamo di questo. Le informazioni su di noi come persone uniche, come soggetti appartenenti a un gruppo e infine la categoria che distingue ciò che è umano da ciò che non lo è, sono i tre parametri di riferimento che influenzano il livello di minaccia e pregiudizio che proviamo di fronte a un altro soggetto o a un altro gruppo.

Il grado in cui un gruppo ci fa paura dipende sia da caratteristiche intrinseche allo stesso (la sua permeabilità o meno, la sua omogeneità, il grado in cui è legato a stereotipi antisociali, il grado in cui non si conforma alle consuetudini del gruppo al quale apparteniamo), sia da caratteristiche estrinseche al gruppo e legate all'ambiente in cui viviamo. Il grado di incertezza e di insicurezza dell'ambiente, infatti, aumenta queste caratteristiche e quindi la minacciosità dei gruppi causando in chi le prova l'incremento dell'autoritarismo.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo