Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Roncaglia: la storia dei videogiochi.

Quando nascono i videogiochi? Gino Roncaglia ricorda come in realtà non siano nati contemporaneamente ai computer, perché i loro esemplari embrionali utilizzavano schermi televisivi od oscilloscopi. Solo nel 1972 uscì il primo dispositivo dedicato ai videogiochi, chiamato "Odyssey", e fu una tappa fondamentale per la loro evoluzione. Da allora i videogiochi si sono differenziati ampiamente riguardo le tipologie: da quelli basati essenzialmente sul movimento e l'azione, si è arrivati al genere adventure, per poi evolvere nel cosiddetto action-adventure.

L'incontro dei videogiochi con la rete ha avuto degli effetti molto importanti. Ad esempio la nascita dei giochi per utenti multipli, in cui diversi giocatori possono interagire contemporaneamente tramite personaggi - o "avatar" - creati da loro stessi. Nel corso del tempo, inoltre, molte e varie sono state le piattaforme per videogiochi, con la implementazione di interfacce assai differenti tra di loro.

La struttura, l'efficacia e la logica dei videogiochi sono le stesse dei giochi tradizionali. Per rimanere nel campo specifico dell'informatica, però, c'è da notare come i videogiochi siano alcuni dei programmi che stressano di più la memoria del computer. La conseguenza di ciò è che i videogiochi hanno contribuito - e contribuiscono - all'esplorazione e al miglioramento delle possibilità dell'hardware. Allo stesso modo, la loro complessità e la necessità dell'interazione con l'utente hanno permesso grossi salti in avanti alla programmazione, con alcuni riverberi in campi più "seri", come ad esempio l'intelligenza artificiale.

Videogiochi su Wikipedia

Vedi le altre puntate

Digital Life

Roncaglia: la storia dei videogiochi.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo